Estati sempre più calde con temperature non adatte agli umani

Graziano Brotto

Graziano Brotto Categoria: Attualita - Pubblicato il 29-07-2020

In alcune parti del mondo l'aumento delle temperature ci porta a superare le soglie per le quali noi umani siamo preparati. La combinazione di temperature e umidità più elevate può essere letale per milioni di persone.

Con estati sempre più calde, alcuni punti della Terra registreranno temperature non adatte per gli umani.

Con il passare degli anni e con estati che diventano sempre più estreme in varie parti del pianeta, milioni di persone sono esposte al danno causato dallo stress generato dal caldo estremo.

Questo tipo di stress fisico può in casi estremi portare al collasso di alcuni organi. Su questo argomento avevamo già parlato sul sito Meteored Argentina, parlando di come è vivere in una delle città più calde del mondo. Ora, un rapporto pubblicato dalla BBC approfondisce la realtà di quelle milioni di persone che vivono in paesi sottosviluppati o in via di sviluppo, che svolgono lavori che espongono le persone a condizioni potenzialmente letali.

In alcuni paesi, dove le temperature sono sempre più calde estate dopo estate, i lavori all'aperto nelle fattorie, negli edifici in costruzione o nel chiuso di fabbriche e ospedali senza refrigerazione possono diventare trappole mortali. Quando l'aria supera i 40 ° C, in alcune situazioni di lavoro le temperature possono essere anche di 10 o più gradi superiori.

Lo stress termico sarà sempre maggiore in futuro

Nel rapporto della BBC si racconta la storia del Dr. Jimmy Lee, che lavora con gli occhiali appannati dal sudore che bagna il suo corpo. È un medico di emergenza che combatte a Singapore contro COVID-19. In quel paese altamente sviluppato, non avere l'aria condizionata in ospedale risponde a un problema sanitario: impedire al virus di diffondersi più facilmente in ambienti più freschi e chiusi.

Il dottor Lee afferma che questa situazione, aggravata dall'umidità tipica di quella zona tropicale, rende lui e i suoi colleghi più irritabili e tesi nel loro lavoro. In questo modo possono fare errori che li mettono in pericolo. Condizioni di calore estremo mettono a rischio il corpo umano, che in molti casi può subire danni molto gravi. All'aumentare della temperatura globale, l'aria ha una maggiore capacità di contenere il vapore acqueo, il che significa che una percentuale maggiore della popolazione sarà esposta per più giorni alla combinazione di alte temperature e umidità, uno scenario molto pericoloso in situazioni estreme.
 

Gli umani non sono preparati a tanto caldo

Il professor Richard Betts appartiene all'Ufficio meteorologico del Regno Unito (MetOffice) e ha lavorato su modelli di computer che suggeriscono che il numero di giorni con una sensazione termica superiore a 32 ° C aumenterà nei prossimi anni in relazione diretta alle emissioni di gas serra nell'atmosfera. Il punto essenziale è che l'essere umano si è evoluto per vivere in un particolare intervallo di temperature. Quindi se le temperature continuano ad aumentare a livello globale, arriverà il momento in cui le aree più calde entreranno in intervalli in cui il calore sarà eccessivo per i nostri corpi.

Entro il 2100 fino a 1,2 miliardi di persone soffriranno di stress da calore . Le persone devono bere molti liquidi prima di iniziare il lavoro, fare pause regolari e poi bere di nuovo quando riposano. Ma questo bisogno non è soddisfatto in tutti i luoghi di lavoro, ancor meno laddove vi è sfruttamento del lavoro.

Nel 2016, il lavoro investigativo svolto dal giornalista John Keefe a New York ha mostrato come nelle case senza aria condizionata in condizioni di sovraffollamento, la temperatura restava su intervalli non adatti all'uomo, anche di notte. I ricercatori, per effettuare la ricerca, hanno distribuito 60 sensori di temperatura nel quartiere di Harlem. Mentre le temperature esterne scendevano di notte, all'interno delle case il caldo non cambiava durante il giorno.

 

 

 

 

 

Consulta le previsioni meteo